+393927182236

info@saqedecobioteca.it

Perché scegliere un deodorante naturale?

Come sempre più spesso ci accade, sono le campagne pubblicitarie a stabilire i nostri bisogni e le nostre necessità…senza però avere davvero a cuore la salute e il reale benessere dell’utente finale.
Questo accade anche nel settore dei deodoranti, settore in cui l’efficacia del prodotto (assenza di odori sgradevoli) è ottenuta spesso a discapito della salute del consumatore, a causa dell’uso di sostanze che irritano la cute o inibiscono una funzione assolutamente naturale e necessaria come le sudorazione (a fronte di confezioni sempre più accattivanti e studiate per gli occhi del potenziale utente…più che per la sua pelle!).

D’estate è normale che si sudi di più e quindi si cercano deodoranti che possano realmente eliminare i cattivi odori legati alla sudorazione, prevenendone la comparsa e non soltanto mascherandone la presenza con l’utilizzo di profumazioni più aggressive. Vediamo quindi da cosa è causata la formazione di cattivi odori e le piante che possono venirci in aiuto.
Le ghiandole sudoripare si dividono in due tipi, quelle eccrine e quelle apocrine.
Le prime hanno l’importantissimo compito di regolare la temperatura corporea, sono presenti su tutta la superficie del corpo e sono alternativamente in continuo lavoro, infatti tramite la perspiratio insensibilis esse mantengono costante la temperatura del nostro corpo provocando una continua ed impercettibile perdita di acqua per via transcutanea.
Quando la temperatura esterna comincia a raggiungere la soglia dei 32° C, tali ghiandole lavorano maggiormente e in maniera simultanea provocando così una sudorazione profusa su tutto il corpo. Nelle giornate molto calde possiamo perdere anche 2 litri di acqua al giorno mediante la sudorazione. Il sudore prodotto da questa ghiandole è per l’appunto composto prevalentemente da acqua e non è dunque responsabile delle formazione di cattivi odori.
Le altre ghiandole che abbiamo precedentemente nominato sono quelle apocrine, esse sono presenti esclusivamente in alcune zone del corpo (come ad esempio il palmo delle mani e dei piedi, le ascelle, le zone inguinali) e la loro funzione non sta nella termoregolazione, bensì nell’eliminazione di sostanze in eccesso e nello sviluppo di un odore corporeo che, in maniera molto più marcata in altri mammiferi, ha un ruolo nel fenomeno dell’attrazione sessuale. Il sudore apocrino contiene dunque varie sostanze organiche quali idrati di carbonio, lipidi e proteine. Tali sostanze emanano un certo odore che però di per sé non può ancora essere definito sgradevole, il reale problema sta nel fatto che queste sostanze sono facilmente attaccabili dai batteri e che, sotto l’azione della flora microbica, si trasformano per degradazione in prodotti volatili dal cattivo odore quali acidi grassi come l’acido capronico, l’acido isovalerianico, l’acido butirrico, mercaptani, ammine, ammoniaca, ecc.
Alla formazione di odori corporei contribuisce, in misura variabile, anche la produzione di sebo, sostanza composta prevalentemente da lipidi che si mescola al sudore sulla superficie cutanea. Da quanto appena detto possiamo dedurre che i deodoranti possono avere diverse funzionalità agendo quindi a livelli diversi, vediamo ora quali piante sono maggiormente efficaci per ogni funzionalità:
– Funzione astringente:
Le piante con questa funzione agiscono sul controllo dei cattivi odori diminuendo o inibendo il flusso delle ghiandole sebacee, agendo quindi da antitraspiranti. In parole povere portano ad un restringimento dei pori della pelle e ad una vasocostrizione. Appartengono a questo gruppo piante come la Rosa canina, il Rusco, la Ratania e la Betulla. La loro attività astringente è da imputare alla presenza di tannini che agiscono anche proteggendo la pelle grazie ad un’azione lenitiva negli stati irritativi.
– Funzione antimicrobica:
Tale funzione è particolarmente importante nel contrastare la formazione dei cattivi odori e si esplica con l’eliminazione o l’inibizione della flora batterica responsabile della degradazione del sudore in prodotti volatili dall’odore sgradevole. Le sostanze ad azione antimicrobica sono per lo più oli essenziali che, grazie alla loro natura fenolica, sono dotati di attività batteriostatica ed antimicrobica. Le piante più note sono il Timo, la Salvia, il Rosmarino, il Tea Tree e il Lichene islandico.
– Funzione sebo regolatrice:
Questa funzione è esercitata da piante come l’Elicriso, la Bardana, il Luppolo e la Melaleuca che contengono sapogenine o composti steroidei in grado di ridurre una eccessiva ed inadeguata produzione di sebo.
Il deodorante, che dilemma! Spesso irrita, o non funziona…

Invece di affidarci ai consigli dei conoscenti, leggiamo l’etichetta per sapere subito se il deodorante che stiamo per acquistare è quello che fa per noi!

Lascia un commento

*

Dicono di noi

Con la linea ” Baby” Saqed si prende cura dei nostri piccoli nel migliore dei modi : GRAZIE SAQED !

Cliente

È la seconda volta che faccio acquisti in questo nuovo sito e devo dire che sono rimasto molto soddisfatto. Ho riscontrato un servizio eccellente, un sito chiaro e ben strutturato. 
Trovo i prezzi abbastanza competitivi e una vasta scelta di prodotti.
Inoltre il servizio informativo attraverso cell. e info-mail è una vera chicca, ho ricevuto delle risposte immediate sui prodotti di mio interesse. Spedizione puntuale.

Cliente

Spedizione velocissima e merce arrivata perfettamente integra! Grazie inoltre per tutti i campioncini!

Luca C.

Pacco nuovamente arrivato in 48 ore bollate!! Questa è la terza volta che ordino su Saqed, e confermo servizio eccellente e impeccabile nel confezionare soprattutto le boccette in vetro! Come sempre grazie Giada per i campioncini e per l’omaggio graditissimo!

Alexia C.

Pacco arrivato! 😊 tutto perfetto, grazie mille per i tanti campioncini e per il buono sconto!!

Benedetta P.